Archivi categoria: Concerti

My name is Bond…James Bond

Siamo di fronte alla saga cinematografica più longeva e famosa di sempre. 23 film, tutti campioni di incasso, e l’ultimo film in uscita questo autunno. Sul grande schermo è nato grazie alla magistrale interpretazione di Sean Connery, e successivamente ha assunto le sembianze di George Lazenby … Roger Moore … Timothy Dalton … Pierce Brosnan e infine l’ultimo James Bond in ordine temporale, Daniel Craig.

Famoso per i suoi gadget tecnologici (soprattutto nei primissimi film della serie), per il suo ruolo di instancabile donnaio e per il suo Vesper Cocktail (mi raccomando…AGITATO, non mescolato), l’agente 007 nato dalla penna di Ian Fleming  è lo stereotipo della spia infallibile, disposta a tutto pur di portare a termine la sua missione segreta.

La suite si compone di 4 temi musicali distinti: James Bond Theme, Live and Let Die, For Your Eyes Only, Goldfinger tratti da altrettanti diversi film.

Il mio nome è Bond, James Bond
Il mio nome è Bond, James Bond

 

James Bond Suite

Appuntamento al 30 aprile, ore 21. Auditorium Paccagnini

Il principe d’Egitto

Premio oscar per la migliore canzone nel 1999. Colonna sonora  scritta da Stephen Schwartz.

Stiamo parlando de Il principe d’Egitto (The Prince of Egypt) , un film d’animazione della DreamWorks Animation. Primo film della casa d’animazione si tratta di un remake animato de I dieci comandamenti degli anni cinquanta. Adattamento del libro dell’Esodo, la pellicola, doppiata in lingua originale da attori del calibro di Val Kilmer, Ralph Fiennes, Michelle Pfeiffer, Sandra Bullock, Jeff Goldblum, Danny Glover e Patrick Stewart, è incentrata sulla vita di Mosè, da principe d’Egitto a guida del popolo d’Israele verso la terra promessa.

Vi proporremo dei brani tratti dalla colonna sonora originale del cartone animato, temi musicali molto famosi e noti al pubblico.

Il principe d’Egitto –  Stephen Schwartz

Appuntamento al 30 aprile, ore 21. Auditorium Paccagnini

Great Moments in Cinema

Oggi non vogliamo parlarvi di un solo film, ma di quattro distinte colonne sonore, che rappresentano i “Great moments in cinema”, trascritti in musica dal grande John Williams.

Partiamo dalla saga fantascientifica per eccellenza, Star Wars. Credo non servano parole per descriverla…chiunque conosce le battaglie dei Ribelli contro l’Impero e le leggende sui cavalieri Jedi. Gli spezzoni della colonna sonora che proporremo sono tratti dal primo film della saga, premio oscar alla migliore colonna sonora nel 1978.

Dopo queste visioni fantascientifiche si passa alla colonna sonora del film “L’impero del Sole” di Spielberg (premio oscar per la migliore colonna sonora nel 1988), e successivamente ci butteremo nell’oceano infestato dagli squali con “Lo squalo”, altro premio oscar alla colonna sonora nel 1976. Concluderemo poi con “Cuori Ribelli”, film del 1992 diretto da ” Richie Cunningham” ehm….Ron Howard. Unica colonna sonora proposta in questo brano che non ha vinto un premio oscar. Ma non per questo meno bella!

Great moments in cinema –  John Williams

Appuntamento al 30 aprile, ore 21. Auditorium Paccagnini

 

I magnifici 7

1880, in un paese alla frontiera tra gli Stati Uniti e il Messico: Chris Adams, un pistolero professionista, viene ingaggiato dal capo del villaggio messicano di Ixcatlan perché ne protegga i contadini dalle scorrerie della banda di Calvera. Assolda così sei compagni per difendere il villaggio.

Nascono così le vicende de “I magnifici 7”, i più famosi cow boy della storia del cinema.

Yul Brynner, Eli Wallach, Steve McQueen, Charles Bronson e James Coburn…sono solo alcuni degli attori protagonisti di questa pellicola datata 1960. Ascoltando il tema musicale principale, scritto da Elmer Bernstein, è naturale immaginare i sette pistoleri al galoppo nel deserto al confine tra Messico e Stati Uniti.

the-magnificent-seven3

Una volta ho vuotato una banca nel Texas e mi hanno messo alle calcagna un intero esercito. Un esercito per una piccola banca. E allora ho capito una cosa: nel Texas solo i banditi di casa possono rubare.

I magnifici 7 –  Elmer Bernstein

Appuntamento al 30 aprile, ore 21. Auditorium Paccagnini

Via col Vento

Vivien Leigh e Clark Gable.

Anno di uscita nelle sale cinematografiche di tutto il mondo: 1939.

Ha vinto giusto qualche premio oscar, DIECI:

  • Miglior film alla Selznick International Pictures
  • Migliore regia a Victor Fleming
  • Miglior attrice protagonista a Vivien Leigh
  • Miglior attrice non protagonista a Hattie McDaniel
  • Migliore sceneggiatura a Sidney Howard
  • Migliore fotografia a Ernest Haller e Ray Rennahan
  • Migliore scenografia a Lyle R. Wheeler
  • Miglior montaggio a Hal C. Kern e James E. Newcom
  • Premio Speciale a William Cameron Menzies
  • Premio alla memoria Irving G. Thalberg a R.D. Musgrave

E’ considerato il più grande dei classici cinematografici, un film che ha fatto la storia. Con la colonna sonora firmata da Max Steiner, vi proporremo il tema principale, “Tara’s Theme”, divenuto (ahimè) famoso anche a causa dell’adozione da parte di un famoso talk show televisivo di Rai1.
Stiamo ovviamente parlando di “Via col Vento”.

640px-Poster_-_Gone_With_the_Wind_01

Francamente me ne infischio” di Clark Gable, al 1º posto tra le battute più famose della storia del cinema.

Tara’s Theme – Max Steiner

Appuntamento al 30 aprile, ore 21. Auditorium Paccagnini

Il gobbo di Notre Dame

Tratto dal romanzo di Victor Hugo, è l’ennesimo grande classico di animazione di casa Disney. Uscito ormai quasi 20 anni fa racconta la storia di Quasimodo, un uomo deforme ma dall’animo buono che vive nel campanile della cattedrale parigina.

Ambientato in una cupa e gotica capitale francese nel XV secolo il cartone animato è altresì famoso per la sua colonna sonora, per la quale ha ricevuto una nomination ai premi oscar del 1997 e ai golden globe dello stesso anno.

“Mesdames e messieurs, non abbiate paura! Stavamo cercando la faccia più brutta di Parigi ed eccola qua! Quasimodo, il gobbo di Notre Dame!”

Il gobbo di Notre Dame (1996) – Colonna sonora di Alan Menken e Stephen Schwartz

Appuntamento al 30 aprile, ore 21. Auditorium Paccagnini

 

I predatori dell’arca perduta

E’ uno degli archeologi più famoso al mondo. Con la sua fedora in testa e impugnando la sua frusta è andato alla ricerca dell’Arca Perduta, della pietra sacra Sivalingam, del Sacro Graal.

Certo, il nome con cui noi tutti lo ricordiamo, Indiana, non è proprio un nome da eroe: deriva infatti dal nome del cane che aveva quando era ragazzino. Ma solo a sentirlo nominare ci vengono in mente tutte le sue peripezie da studioso “sui generis”, scappando da un carro armato nazista nel deserto o fuggendo nelle ipotetiche fogne di Venezia circondato da topi.

Ma lui è Indiana Jones. E nonostante non riesca mai a recuperare i tesori a cui da la caccia, rimane sempre sinonimo di avventura. E basta ascoltare le prime note della colonna sonora per riconoscerla al volo.

E oggi vogliamo lasciarvi con una dei tanti omaggi a questo film, direttamente da Springfield (Chiedo scusa per la scarsa qualità del video, ma non ho trovato di meglio)

“Guardi questo: non vale niente. Dieci dollari da un venditore per la strada. Ma se io adesso lo prendo e lo sotterro nella sabbia, tra mille anni diventa preziosissimo. Come l’Arca. E gli uomini ucciderebbero per averlo… Uomini come lei e come me. ”

I predatori dell’Arca Perduta (1981) – Colonna sonora di John Williams

Appuntamento al 30 aprile, ore 21. Auditorium Paccagnini

Balla coi lupi

Oggi vogliamo portarvi nelle immense e sterminate praterie del Far West e raccontarvi della storia di un ufficiale dell’Esercito Unionista, il tenente John Dunbar, e del suo profondo legame con gli indiani Sioux. Una storia di integrazione tra due culture profondamente differenti (e secondo un certo punto di vista anche nemiche) che ha appassionato milioni di spettatori nei cinema di tutto il mondo.
Sette premi oscar, tra cui il premio per la migliore colonna sonora a John Barry. Colonna sonora citata anche da Papa Giovanni Paolo II come una delle sue musiche preferite.

Noi nel nostro piccolo cercheremo di rendere omaggio a questo film raccontandovi del selvaggio West, tra indiani, cavalli, colpi di fucile, bufali che pascolano indisturbati nelle praterie.

Balla coi Lupi (1990)
«Inside everyone is a frontier waiting to be discovered.»

Appuntamento al 30 aprile, ore 21. Auditorium Paccagnini

Lord of the rings

“You Shall no pass” – “Tu non puoi passare” urla Gandalf rivolto al Balrog nelle miniere di Moira. Uno dei momenti più spettacolari di tutto il film. E il 30 aprile vi riproporremo TUTTA la colonna sonora ufficiale de “La compagnia dell’Anello”.
Non ci saranno gli stessi effetti speciali (non vorremo che il Balrog ci incendi l’auditorium 🙂 ) ma l’impatto sarà comunque da pelle d’oca. Daltronde, stiamo parlando di quasi 11 minuti di brano senza una pausa.

“One Ring to rule them all, one Ring to find them,
One Ring to bring them all and in the darkness bind them”

Appuntamento al 30 aprile, ore 21. Auditorium Paccagnini