I predatori dell’arca perduta

E’ uno degli archeologi più famoso al mondo. Con la sua fedora in testa e impugnando la sua frusta è andato alla ricerca dell’Arca Perduta, della pietra sacra Sivalingam, del Sacro Graal.

Certo, il nome con cui noi tutti lo ricordiamo, Indiana, non è proprio un nome da eroe: deriva infatti dal nome del cane che aveva quando era ragazzino. Ma solo a sentirlo nominare ci vengono in mente tutte le sue peripezie da studioso “sui generis”, scappando da un carro armato nazista nel deserto o fuggendo nelle ipotetiche fogne di Venezia circondato da topi.

Ma lui è Indiana Jones. E nonostante non riesca mai a recuperare i tesori a cui da la caccia, rimane sempre sinonimo di avventura. E basta ascoltare le prime note della colonna sonora per riconoscerla al volo.

E oggi vogliamo lasciarvi con una dei tanti omaggi a questo film, direttamente da Springfield (Chiedo scusa per la scarsa qualità del video, ma non ho trovato di meglio)

“Guardi questo: non vale niente. Dieci dollari da un venditore per la strada. Ma se io adesso lo prendo e lo sotterro nella sabbia, tra mille anni diventa preziosissimo. Come l’Arca. E gli uomini ucciderebbero per averlo… Uomini come lei e come me. ”

I predatori dell’Arca Perduta (1981) – Colonna sonora di John Williams

Appuntamento al 30 aprile, ore 21. Auditorium Paccagnini

Balla coi lupi

Oggi vogliamo portarvi nelle immense e sterminate praterie del Far West e raccontarvi della storia di un ufficiale dell’Esercito Unionista, il tenente John Dunbar, e del suo profondo legame con gli indiani Sioux. Una storia di integrazione tra due culture profondamente differenti (e secondo un certo punto di vista anche nemiche) che ha appassionato milioni di spettatori nei cinema di tutto il mondo.
Sette premi oscar, tra cui il premio per la migliore colonna sonora a John Barry. Colonna sonora citata anche da Papa Giovanni Paolo II come una delle sue musiche preferite.

Noi nel nostro piccolo cercheremo di rendere omaggio a questo film raccontandovi del selvaggio West, tra indiani, cavalli, colpi di fucile, bufali che pascolano indisturbati nelle praterie.

Balla coi Lupi (1990)
«Inside everyone is a frontier waiting to be discovered.»

Appuntamento al 30 aprile, ore 21. Auditorium Paccagnini

Lord of the rings

“You Shall no pass” – “Tu non puoi passare” urla Gandalf rivolto al Balrog nelle miniere di Moira. Uno dei momenti più spettacolari di tutto il film. E il 30 aprile vi riproporremo TUTTA la colonna sonora ufficiale de “La compagnia dell’Anello”.
Non ci saranno gli stessi effetti speciali (non vorremo che il Balrog ci incendi l’auditorium 🙂 ) ma l’impatto sarà comunque da pelle d’oca. Daltronde, stiamo parlando di quasi 11 minuti di brano senza una pausa.

“One Ring to rule them all, one Ring to find them,
One Ring to bring them all and in the darkness bind them”

Appuntamento al 30 aprile, ore 21. Auditorium Paccagnini